Sport
Fermana F.C., il Boxing Day dice Samb. Penalty di Calderini e Di Massimo: 2 a 0. Pegorin para rigore a Giandonato. Gara nervosa: 10 ammoniti ed un espulso

IL PRE GARA

Santo Stefano dall'indubbio appeal per la Fermana, che scende in campo al “Riviera delle Palme” per il derby con la Sambenedettese. Per questa sentita gara, sono 23 i convocati da mister Flavio Destro (torna a disposizione Giandonato, dopo aver scontato l’ultimo dei 4 turni di squalifica, mentre resta indisponibile Calzola). La squadra si è preparata al meglio, con grande intensità ed in città ci si aspetta una partita da incorniciare: saranno oltre 400 i sostenitori gialloblù sugli spalti del catino rivierasco a sostenere Comotto & c.. La Società – decisamente contrariata per l’atteggiamento avuto dai gialloblù in occasione della brutta prestazione interna col Monza – alla fine ha tenuto conto della comunque ancora ottima posizione di classifica ed ha deciso per il ritiro corto (squadra da ieri a P.S. Giorgio). Ma, ovviamente, oggi si aspetta una prestazione maiuscola che cancelli il rovescio di Sabato. Sulla sponda rossoblu, si contano gli assenti: a Biondi, Stanco, Di Pasquale e Bove, potrebbe aggiungersi Celjak (un suo eventuale impiego verrà deciso dal tecnico Roselli solo in prossimità dell’ inizio del match). A dirigere Sambenedettese - Fermana è stato chiamato il signor Paride De Angeli di Abbiategrasso. 

Fermana F.C., il Boxing Day dice Samb. Penalty di Calderini e Di Massimo: 2 a 0. Pegorin para rigore a Giandonato. Gara nervosa: 10 ammoniti ed un espulso

IL TABELLINO.

 

Sambenedettese (4-4-2) Pegorin (40' st Sala), Zaffagnini, Miceli, Calderini (31' st Celjak), Gelonese; Rapisarda, Di Massimo (16' st Russotto), Ilari, Cecchini; Signori (40' st Rocchi), Caccetta. A disp.: Islamaj, De Paoli, Panaioli, Gemignani. All. Roselli.

 

Fermana (4-4-2): Ginestra; Clemente (35' st Marozzi), Comotto (1' st Soprano), Scrosta, Sarzi Puttini; Iotti, Fofana (24' st Misin), Giandonato, Maurizi; Cremona (24' st Cognigni), Lupoli (1' st Zerbo). A disp. Pavoni, Marcantognini, Guerra, D'Angelo, Da Silva, Nasic, Contaldo. All. Destro.

 

Arbitro: Sig. De Angeli di Abbiategrasso (Pacifico/Trinchieri)

Reti: 18' Calderini su rigore e 30' Di Massimo (S)

Ammoniti: Clemente, Giandonato, Ginestra e Comotto (FFC), Miceli, Caccetta, Cecchini, Calderini, Signori e Gelonese (S)

Espulso: Cecchini (S) al 30' st

Angoli: 5 a 6

Recuperi: pt 1'; st 6'

Note: pomeriggio soleggiato, temperatura comunque rigida. Spettatori 4000 circa. Settore Ospiti popolato da 430 sostenitori provenienti da Fermo. 

 

LA CRONACA DEL PRIMO TEMPO.

Samb in doppio vantaggio al termine del 1° Tempo di una partita che...non c'è. Se si escludono grinta, colpi proibiti e tanta corsa infatti, a livello tecnico/tattico è calma piatta da ambo le parti. Va bene ai locali, che chiudono la frazione sul 2 a 0 appunto, abili dapprima ad approfittare di una colossale ingenuità di Cremona (che in area intercetta con la mano un calcio d'angolo di Rapisarda) e poi a mettere in freezer l'intero derby grazie alla sgroppata di Di Massino, felicemente conclusa, conseguente ad una errata tattica del fuori gioco mal applicata dall'intero pacchetto di retroguardia gialloblù. Bah...Sino al primo episodio descritto, una Fermana molto fisica ed aggressiva in ogni zona del campo sembrava aver ben imbrigliato i rossoblù. Al 18', dicevamo, l'harakiri. Angolo da sinistra, Cremona va di Volley (era già successo a Lupoli a Trieste, durante la scorsa stagione) e tocca di mano: rigore netto, che De Santi non può esimersi dal ravvisarne gli estremi. Calderini trasforma, dopo una serie infnita di "tarantelle" fra giocatori che trasformano i 16 metri di Ginestra in una autentica tonnara (4 ammoniti). Incassato il gol, la Destro band prova ad uscrire sfruttando la corsia di destra, dove Iotti (giocatore apparso in netta ripresa, uno dei pochi a salvarsi) crea qualcosa in un match che ora, gioco forza, viaggia su altri ritmi. Al 30' però, la mazzata: contropiede Samb e lancio per Di Massimo. La difesa gialloblù sale male, l'esterno ne approfitta e si invola nello spazio e solo dalle parti di Ginestra lo trafiggie con un tocco morbido che posiziona la palla nel sacco: 2 a 0. Gara chiusa? Probabile. La Fermana però prova a riaprirla al 38', quando Pegorin esce male e Lupoli si divora il gol della speranza. Una pericolosa conclusione mancina di Cecchini (44'), disinnescata in corner da Ginestra, è l'ultima azione di un primo tempo che, con un minimo di attenzione in più, sarebbe potuto terminare diversamente.

 

LA CRONACA DEL SECONDO TEMPO.

Zerbo per Lupoli e Soprano per Comotto sono le iniziali mosse di Mister Destro, che deve necessariamente tentare qualcosa per riaprire una gara apparentemente compromessa dopo soli 45'. La Fermana conquista subito metri di campo, preme, colleziona angoli e sembra essere rientrata con altro piglio. Al 9' una punizione di Giandonato termina alta sulla trasversale della porta difesa da Pegorin, poco prima che Iotti faccia vedere a tutti di aver ritrovato gamba, passo e lo spunto di un tempo (18', l'iniziativa personale del centrocampista di Rotella difetta solo di mira) e Cremona (19') fallisse da ottima posizione l'occasione per riscattare il suo inopinato fallo di mano che ha originato il primo vantaggio rivierasco. Fermana minacciosa, dunque. Ma Samb vicina al tris al 21', quando il subentrato Russotto (nel finale unica punta del 5/3/1 disegnato da Roselli subito dopo la sopraggiunta inferiorità numerica) difetterà (anche lui) di mira, calibrando male una conclusione mancina. Cognigni (che ti succede, Luca?) per Cremona e Misin per Fofana (stavolta affoga anche lui nel marasma generale) sembrano cambi destinati a non sortire effetto alcuno. Ed invece, il derby potrebbe riaprirsi in un battibaleno. Al 30', Cecchini trattiene un incontenibile Iotti e si becca il secondo "giallo": Samb in dieci. Due giri di lancette più avanti, il solito Iotti pesca Zerbo nel cuore dell'area rossoblù. Sull'attaccante palermitano frana un difensore locale: rigore. Giandonato sul dischetto: vuoi vedere che...ma vah, Pegorin vola alla sua sinistra ed intercetta la blanda conclusione del rientrante cenrocampista ex Juventus. Scrivendo, di fatto, la parola fine su un Boxing Day decisamente da dimenticare. Sabato si va a Verona per la prima di ritorno. Poi sarà mercato. Finalmente!

Letture:2249
Data pubblicazione : 26/12/2018 06:57
Scritto da : Redazione Sport
Commenti dei lettori
0 commenti presenti
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications