Sport
Fermana F.C.: il SudTirol passa di misura, 0 ad 1. Piove sul bagnato: Gennari esce in barella e la tifoseria inizia a mugugnare. Giovanili: la Berretti perde a Fano per 3 a 2

Rete 4, Canale 5, Italia 1 e...Fermana 0. Una nuova emittente del gruppo Mediaset? No, il triste destino di una squadra che deve necessariamente essere rinforzata, anche se nessuno sembra volerlo. Ma per quest'anno, probabilmente, va bene anche così... Primo tempo equilibrato, gara spezzettata e tutt'altro che spetacolare. Fermana F.C. in palese difficoltà nella costruzione della manovra, al cospetto di un SudTirol magari monotematico in fase offensiva, ma sempre presente sulle fasce e pronto a ripartire sfruttando le accelerazioni di Fink. Nell ripresa, la squadra di Zanetti sembra volerci credere di più e piazza il colpo grazie ad una sfortunata autorete di Gennari, che poi uscirà in barella per infortunio. Gli ingressi di Grieco e Da Silva scuotono i canarini, ma la cronica sterilità offensiva non è superata nemmeno con l'esordio in gialloblù di Cognigni. Tifoseria canarina in subbuglio ed in lutto: è scomparso Francesco Sollini, storico sostenitore gialloblù.

Fermana F.C.: il SudTirol passa di misura, 0 ad 1. Piove sul bagnato: Gennari esce in barella e la tifoseria inizia a mugugnare. Giovanili: la Berretti perde a Fano per 3 a 2

FERMANA F.C. – SUD TIROL: LE FORMAZIONI UFFICIALI

M.C. FERMANA F.C. (4/3/3): Valentini; Clemente, Manè, Comotto (40' st Ferrante), Gennari (22' st Da Silva); Urbinati, Doninelli (30' st Grieco), Maurizi; Sansovini, Cremona, Lupoli (30' st Cognigni). A disposizione: Ginestra, Equizi,  Sperotto, Iotti, Ciarmela, Margaroli, Massaroni,  Causevic. All. Destro.

SUDTIROL (3/5/2): Offredi; Zanchi (40' st Erlich), Sgarbi, Vinetot; Tait, Broh, Berardocco, Fink (30' st Smith), Frascatore; Costantino (11' st Candellone), Gyasi (40' st Heatley). A disposizione: D’Egidio, Bertoni, Cia, Baldan, Ciessie, Berardi, Gatto. All. Zanetti

 

Arbitro: Tursi di Valdarno (Berti/Cavallina)

Reti: 17' st autorete Gennari

Ammoniti: Tait, Costantino e Berardocco (ST); Manè (FFC)

Angoli: 5 a 2 per la FFC

Recuperi: 1° tempo 2' ; 2° tempo 5'

Note: prima dell'inizio della gara, il capitano della Fermana F.C. Marco Comotto ha deposto un mazzo di fiori in Curva Duomo, in memoria dello storico tifoso locale Francesco Sollini, scomparso in mattinata. Spettatori presenti 968 (444 abbonati) per un incasso pari ad € 6821 (quota abbonati compresa). Terreno di gioco in non perfette condizioni (gibbosità diffusa).

 

IL PREGARA, CON IL DICHIARATO INTENTO DI MISTER ZANETTI: A CONTI FATTI E' STATO BUON PROFETA

 

"Ripartiamo con l'entusiasmo e la determinazione che ci hanno accompagnato sino alla pausa del campionato. In queste tre settimane abbiamo lavorato sodo - ha affermato alla vigilia l'allenatore del SudTirol - A Fermo andiamo per vincere, anche per provare a recuperare i due punti gettati al vento nell'ultimo quarto d'ora della gara d'andata. Candellone? E' arrivato fisicamente pronto, e questo è già molto positivo. Starà a lui conquistarsi il posto e agli altri attaccanti difenderlo"

 

IMG-20180120-WA0010

 

 

LA CRONACA DEL PRIMO TEMPO

Al di là delle carenze di organico - oramai note e derivanti non solo dalla situazione infermeria - c'era da capire come sarebbe ripartita la Fermana F.C. dopo il periodo di lungo e forzato riposo. Il colpo d'occhio del "Bruno Recchioni" non stimola ulteriormente i gialloblù, che in avvio soffrono le ripartenze veloci di Fink e, più in generale, di un Sud Tirol che in fase offensiva predilige le fasce e trova esterni sempre molto alti, bravi negli inserimenti ed incisivi. Al 3' la prima discesa dello stesso Fink (giocatore elegante, tecnico e dal grande passo: un lusso per la categoria), che dopo aver percorso una quarantina di metri palla al piede porge a Broh, che dal limite sfiora il montante. Poi ci prova Frascatore, al 6': palla fuori. Ed al 13' Lupoli prova a destare i suoi, approfittando - solo parzialmente - di una frittata gigante generosamente concessa dal duo Sgarbi/Offredi. La sua conclusione però, termina sull'esterno della rete alto atesina. Gara bruttina, dicevamo. La Fermana F.C. perde quasi tutti gli scontri a centrocampo, arrivando in costante ritardo sulle seconde palle. Cremona gioca punta centrale, vicino a Lupoli. Sansovini cerca spazio, non trovandolo quasi mai. A sinistra Maurizi soffre, non trovando la posizione ed essendo in palese difficoltà nella marcatura del diretto avversario. Doninelli, inoltre, appare ancora una volta lento ed eccessivamente compassato, mentre ad Urbinati spetta il solito lavoro di rottura. Di conseguenza, la costruzione della manovra canarina latita. Anchè perchè, con Berardocco vertice basso del centrocampo ospite, la squadra di Zanetti sfrutta gli inserimenti facendo molto scarico e trovando soluzioni, sebbene dalla distanza. Perchè la Fermana F.C. avrà anche difetti di costruzione, ma quando può schierare - come oggi - Comotto e Gennari, negli ultimi 16 metri soffre poco. Finale di tempo e Sud Tirol pericoloso, sempre dalla distanza e sempre con Berardocco: al 45' Valentini miracoleggia e ci mette più che una pezza. Al 46' l'ex Samb prova la conclusione a sorpresa: palla fuori di un Amen.

 

IMG-20180120-WA0015

 

LA RIPRESA.

Inutile girarci attorno: gli ospiti ci credono di più. Sin dall'avvio del secondo tempo, sebbene siano i canarini ad affacciarsi per primi in area avversaria, ma la punizione di Sansovini si infrange sulla barriera (10'). Un minuto più tardi, Mister Zanetti inserisce il neo acquisto Candellone al posto di un Costantino che, in tutta franchezza, si è fatto vedere veramente poco. Si collocherà in prima linea, affiancando Gyasi e risultando determinante in occasione del gol partita. SudTirol arcigna, che pochissimo concede alla Fermana F.C. di oggi. Tirolesi pronti e determinati ad alzare i giri. Ed abili a continuare a sfruttare le fasce. Soprattutto quella di destra, dove Broh e Tait imperversano facendola da padroni assoluti. Al 17', il vantaggio. Gyasi fugge a sinistra e crossa in mezzo. Nel tentativo di anticipare Candellone, Gennari interviene in maniera scomposta sbucciando il cuoio ed infilando la propria porta: 0 ad 1. Si mette male. Si metterà peggio ancora 5' dopo, quando lo stesso Gennari uscirà in barella lamentando un dolore (sembra) al ginocchio, riportando anche 4 punti di sutura ad un polpaccio precedentemente colpito duro. Infortunio che, più avanti, accuserà anche Comotto (sostituito da Ferrante: altri stop in vista?). Destro non si dà per vinto e gioca la carta Cognigni (esce Lupoli, ancora una volta: ma perchè è sempre l'ex Arsenal a finire anzitempo negli spogliatoi?), toccato subito durissimo da Sgarbi. 33': Clemente in mezzo, Sansovini tenta di farsi notare svettando bene, ma finendo per indirizzare male il pallone. Ospiti guardinghi e pronti alla ripartenza. 38': sull'asse Candellone/Smit/Zanchi si sviluppa una buona trama di contropiede, ma il colpo di testa del fluidificante ospite terminerà dritto dritto fra le braccia di Valentini. Gli ingressi di Da Silva e Grieco (il primo in luogo di Gennari, con Maurizi che verrà impiegato sulla linea dei difensori; il secondo per un inguardabile Doninelli) ridanno linfa alla Fermana F.C.. 43': Da Silva manda in mezzo, Manè di testa la piazza lì, a due passi da Offredi. Nessuno arriverà ad imprimere il tap in vincente. 5' di recupero. Al 48' Da Silva si mette in proprio e ci prova: la difesa ospite alza il muro. Ultimo sussulto al 49'. Ad effettuare il tentativo, su punizione dai 20 metri, è ancora Da Silva: Offredi manda in angolo. Secondi finali convulsi: anche Valentini a saltare in area ospite, ma non succederà più nulla. Perchè se qualcosa deve succedere, deve essere dal mercato di Milano. Questa squadra va rinforzata. Il Vicenza ha vinto a Teramo, il discorso salvezza non è ancora chiuso e bene fa Mister Destro a predicare prudenza ed a richiamare tutti alla massima concentrazione. Sabato si va a Mestre, in casa di una squadra che oggi ha espugnato Gubbio. Ecco, almeno questa è una bella notizia. Anche se nell'immediato dopo partita sembra che la tifoseria canarina abbia iniziato a mugugnare. 

 

CALCIOMERCATO: AGGIORNAMENTO.

La notizia rimbalza direttamente da Fano. Nel tardo pomeriggio di ieri, davamo notizia dell’interessamento del sodalizio granata – via Juventus - nei confronti di Udoh King, attaccante italo/nigeriano di scuola bianconera e sino ad ora autentica meteora in gialloblù. Ma ci sarebbe ben di più: sul tavolo delle trattative infatti, i due sodalizi avrebbero messo ben più di un giocatore. Esuberi, direte voi, sia da una parte che dall’altra. Ci piace vederla in maniera differente: cedere giocatori giudicati non adatti ai rispettivi progetti e cercare di reperirne di più funzionali mantenendo inalterate le caselle Under ed Over. Ecco allora l’idea. Che, tutto considerato, non ci dispiacerebbe proprio: Favo e Camilloni in gialloblù, mentre sarebbero Gasperi ed, appunto, King a compiere il tragitto inverso ed approdare in maglia granata. Ovviamente, il tutto con il benestare dei clubs titolari dei cartellini dei singoli giocatori.

 

CIAO, FRANCESCO.

Nel frattempo, la tifoseria canarina piange la prematura scomparsa di Francesco Sollini, storico sportivo gialloblù conosciutissimo in città anche per via della sua rinomata attività di ristoratore. Roberto “Bob” Avanzolini, ex giocatore della Fermana Calcio e suo grande amico (nella foto pubblicata si vede proprio Francesco andare a festeggiare Avanzolini al termine di una importante gara), dalla sua pagina Facebook lo ha così ricordato: “Ne abbiamo passate tante insieme ! Rimarrai sempre nel mio cuore !! R.I.P grande amico mio !!!!” La Curva Duomo ne ha omaggiato il ricordo con uno striscione commemorativo ("Buon viaggio, Francè")

 

francescop_sollini_+_avanzolini

 

france_

 

SETTORE GIOVANILE: DA FANO ALTRA SCONFITTA.

Da casa Fano, la "cantera" canarina torna con un'altra sconfitta sul groppone. Dopo Giovanissimi ed Allievi Nazionali (U15 ed U17), regolati per 4 a 0 ed 1 a 0, stavolta a cadere è la formazione "Berretti" di Remo Orsini. 3 a 2 il finale. Per i gialloblù, reti di Raccichini e Nepi.

Letture:3847
Data pubblicazione : 20/01/2018 11:31
Scritto da : Redazione Sport
Commenti dei lettori
1 commenti presenti
  • Paolo

    20-01-2018 18:42 - #1
    Stasera portarteli a magna' a Villa Lattanzi!!! Ammirate il Vicenza che ha vinto con la primavera...e hanno fallito!!!! Manco sete sudato oggi!!!! A faticaaaa....e pubblicate non fate i faziosi perché fate parte della scuderia
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications