Sport
Il sogno è diventato realtà: Porto Sant'Elpidio torna in Eccellenza con la sua squadra schiacciasassi. Mister Cuccù: "Il trionfo di un gruppo molto unito"

E' bastato un pareggio sul campo del Montefano all'Atletico Calcio Porto Sant'Elpidio per centrare matematicamente l'obiettivo della promozione in Eccellenza con cinque giornate di anticipo.

In città è quindi scattata la festa per il ritorno della squadra nel massimo campionato regionale a distanza di nove anni dall'ultima volta e a 70 anni esatti dalla nascita del sodalizio.

Il sogno è diventato realtà: Porto Sant'Elpidio torna in Eccellenza con la sua squadra schiacciasassi. Mister Cuccù:

Il verdetto è diventato ufficiale soltanto domenica, grazie al gol su punizione di Riccardo Cuccù che ha cancellato l'iniziale svantaggio siglato da Palmucci, ma ormai da diverse settimane non c'erano sostanzialmente più dubbi: l'Atletico Porto Sant'Elpidio ha letteralmente dominato in lungo e in largo il girone B del campionato di Promozione marchigiana, vincendo venti delle venticinque partite disputate e potendo vantare sia il miglior attacco che la miglior difesa.

In particolare la consistenza difensiva è stato il punto di forza della formazione di Stefano Cuccù: il portere Lattanzi ha infatti subito appena otto gol in tutto il campionato, mantenendo la porta inviolata anche per sette partite di fila (dalla sesta alla dodicesima giornata). Sarebbe quindi troppo facile indicare nella retroguardia il segreto di questa vittoria e allora mister Cuccù fornisce un'altra chiave di lettura: “Il segreto è quello che siamo un gruppo molto unito, composto da giocatori vogliosi, seri, che hanno messo in ogni partita e in ogni allenamento tutto ciò che avevano: sacrificio, voglia e determinazione – spiega l'allenatore – Sono stati tutti eccezionali, dal primo all'ultimo, anche chi ha giocato poco o quasi per niente. Molto spesso è stata dura tenere fuori alcuni di loro, ma questi ragazzi hanno sempre capito e dato il massimo per mettermi in difficoltà nelle scelte”.

Sono numeri da autentica corazzata quelli della formazione elpidiense. Dopo il doppio ko per 1-0 alla quarta e alla quinta giornata, rispettivamente contro Aurora Treia e Lorese, i ragazzi di Cuccù hanno infatti messo in piedi una striscia di risultati utili consecutivi che, con il pareggio di domenica, ha raggiunto quota 20 (diciassette successi e tre pareggi). Di settimana in settimana questa squadra, che l'anno scorso si salvò alla penultima giornata ma che in questa stagione, anche grazie ad alcune aggiunte di valore, si sapeva avrebbe potuto recitare un ruolo da protagonista, ha preso sempre più coscienza dei propri mezzi. “Non c'è una partita in particolare che mi ha fatto capire che saremmo arrivati fino in fondo, ma una serie di atteggiamenti che la squadra ha mostrato in campo, dando in più di un'occasione la sensazione di saper determinare la gara, gestendo la palla con sicurezza e serenità – spiega Cuccù –. Ad inizio anno dissi che che saremmo arrivati tra le prime tre, poi gli episodi ci hanno dato ragione e quindi, in particolare rispetto all'anno scorso, anche la componente sorte ha giocato un ruolo importante” - ammette candidamente l'allenatore.

E' ovvio che ora i tifosi, oltre a festeggiare il raggiungimento di questo traguardo, sognino già un futuro ancora più radioso e guardino quindi avanti al prossimo campionato di Eccellenza, cercando di capire con quali ambizioni verrà affrontato. Mister Cuccù, però, ritiene ancora molto prematuro questo discorso e per il momento si limita ai ringraziamenti: “Aver vinto questo campionato è una grandissima soddisfazione, io posso solo ringraziare dal primo all'ultimo i miei ragazzi e i miei collaboratori perché hanno profuso il massimo sforzo in tutto e per tutto. Al resto per il momento non voglio nemmeno pensare!”.

Anche perché ci sono pur sempre ancora cinque partite di campionato da onorare, per quanto ovviamente, dopo la grande festa e senza più motivazioni concrete, incorrere in un calo sarebbe del tutto fisiologico. “Non sarà facile mantenere la concentrazione – non si nasconde Cuccù – però di sicuro, per come siamo stati abituati ad allenarci quest'anno, la squadra ha raggiunto una maturità tale da voler evitare figuracce. E' chiaro che la determinazione non potrà essere esattamente la stessa, ma chi ha giocato meno potrà ritagliarsi uno spazio importante per mettersi in luce magari anche in vista dell'anno prossimo”.

 

Letture:2567
Data pubblicazione : 28/03/2017 11:13
Scritto da : Andrea Pedonesi
Commenti dei lettori
0 commenti presenti
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications