Sport
Fermana, il palo di Molinari nel finale strozza l'urlo in gola ai tifosi canarini: contro la Sammaurese è solo 1 a 1

Nel giorno del ritorno di bomber Protti a Fermo da “avversario” manca solo un soffio, quello che separa l’ultimo pallone canarino del match dal finire in rete, per realizzare la giornata perfetta.

Fermana, il palo di Molinari nel finale strozza l'urlo in gola ai tifosi canarini: contro la Sammaurese è solo 1 a 1

Emozionante il colpo d’occhio della Tribuna Laterale, gremita per l’occasione da tutti i tifosi, con il Nucleo Fermano a festeggiare i 20 anni di sostegno alla squadra gialloblù (consegnata per l’occasione una targa celebrativa) ed una splendida coreografia a riscaldare e colorare tutto l’ambiente.
Emozionati i ragazzi dei Settori Giovanili cittadini ed una delegazione di ospiti delle strutture ricettive del fermano colpiti dal terremoto degli scorsi mesi invitati per l'occasione dalla Società, dall’Associazione Solo Fermana e dall’Amministrazione comunale di Fermo a trascorrere un pomeriggio in allegria allo stadio, concluso con un terzo tempo a base di bevande calde e dolci natalizi.
Lo sport unisce e crea legami indissolubili: è questo che deve aver pensato mister Protti, tecnico della Sammaurese, quando, essendo squalificato, è andato a sedersi in Tribuna prima del fischio d’inizio sommerso da cori, applausi e striscioni inneggianti alle sue reti che 20 anni fa portarono la squadra di Fermo in C1.
Il tecnico giallorosso ha ricevuto direttamente dalle mani del Presidente Simoni un premio a memoria di tanti incancellabili successi e di una stima che va oltre le casacche ed il tempo.
In campo, Fermana e Sammaurese si sono invece equamente divise la posta in palio, con gli ospiti partiti meglio e i canarini che, una volta recuperato lo svantaggio contro la formazione meno perforata del girone, fino alla fine hanno cercato di coronare questa giornata speciale con una vittoria (che li avrebbe catapultati, visti gli altri risultati, direttamente al primo posto della graduatoria).
Mister Destro, causa la serie di impegni ravvicinati e la non perfetta condizione fisica di alcuni elementi, concedeva un turno di riposo a Urbinati e Cremona, riportando in campo dal primo minuto Molinari e promuovendo Misin regista: il gol di Pieri al 6’, lesto a infilarsi tra le maglie della difesa, rompeva però subito gli equilibri del match e puniva un avvio non troppo determinato dei padroni di casa.
Locali che comunque riuscivano a pervenire al pareggio sul finale della prima frazione e che fino all’ultimo secondo provavano a far pendere l’ago della bilancia dalla loro parte: il 4-4-2 finale con gli ingressi di Cremona e D’Angelo era un chiaro segnale della volontà di non lasciare nulla d’intentato per portare a casa i tre punti, con il rischio anche di concedere qualcosa all’avversario.
Purtroppo, però, dopo il bellissimo intervento di Valentini su Errico, il palo finale diceva no a Molinari e sul tentativo seguente non aveva miglior fortuna la conclusione ravvicinata del numero 20 gialloblù per l’1-1 definitivo che lasciava un po’ di amaro in bocca.
«Era difficile riuscire a recuperare con una squadra così attenta alla fase difensiva e pericolosa e rapida in avanti. Gli episodi a volte premiano, altre no: oggi purtroppo quel pizzico di fortuna che avrebbe potuto aiutarci non lo ha fatto. Dobbiamo accettare serenamente il verdetto del campo – così Destro, tranquillo e lucido a fine gara – con il gol allo scadere saremmo ora a parlare di altro, ma così non è andata e ci sta. Sono comunque contento della reazione dei miei ragazzi: anche i nostri tifosi lo hanno visto e capito, tanto è vero che siamo usciti tra gli applausi. La squadra fino all’ultimo ha provato a vincere, non ha mai dato l’impressione di accontentarsi ed è questo l’atteggiamento giusto per togliersi delle soddisfazioni».

 

FERMANA (4-2-3-1): Valentini, Maghzaoui (39' st Clemente), Ispas, Mane, Comotto, Bossa, Petrucci, Forò (18' st Cremona), Molinari, Margarita (5' st D'Angelo), Misin. A disposizione: Torresi, Ghiani, Urbinati, Gadda, Marti, Russo. Allenatore: Flavio Destro.
SAMMAURESE (4-3-3): Gori, Pesaresi, Gualandi (21' st Pezzati), Rosini, Santoni, Lombardi, Errico, Scarponi, Pieri (25' st Paganelli), Peluso (7' st Bonandi), Ninte. A disposizione: Passanti, Gaiani, Fancello, Sartori, Gagliardini, Bartolini. Allenatore: Elvio Gozi (Stefano Protti squalificato).
ARBITRO: Sig. Sajmir Kumara della sezione di Verona.
ASSISTENTI: Sigg. Stefano Cicchitti della sezione di Chieti e Vincenzo Recchiuti della sezione di Teramo.
RETI: 6'pt Pieri, 41' pt Manè.
AMMONITI: Forò (22' pt, gioco falloso), Margarita (1' st, gioco falloso), Gualandi (8' st, gioco falloso), D'Angelo (23' st, simulazione), Bossa (24' st, gioco falloso), Santoni (28' st, gioco falloso), Maghzaoui (32' st, gioco falloso) e Pezzati (38' st, c.n.r.)
ESPULSI: /
CORNER: 1-4
RECUPERO: 0’+5’.

Letture:1679
Data pubblicazione : 09/12/2016 09:40
Scritto da : Redazione
Commenti dei lettori
0 commenti presenti
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications