Istruzione
Spazio, atmosfera e gravità terrestre. Concluso il campo estivo “Astronaute del futuro” alla Rodari-Marconi di Porto Sant'Elpidio

Platone disse: "L'astronomia costringe l'anima a guardare oltre e ci conduce da un mondo a un altro". E’ proprio questo il pensiero che ha ispirato il campo estivo “Astronaute del futuro” che si è tenuto a luglio presso l’Istituto Comprensivo Rodari-Marconi di Porto Sant’Elpidio. Il progetto è risultato tra i vincitori del bando pubblico emanato dal Ministero per le Pari Opportunità “IN ESTATE SI IMPARANO LE STEM” finalizzato a contrastare gli stereotipi che alimentano il gap di conoscenze tra le studentesse e gli studenti rispetto alle materie STEM, ovvero le discipline scientifiche, tecnologiche, ingegneristiche e matematiche, e a favorire lo sviluppo di una maggiore consapevolezza tra le giovani studentesse delle proprie attitudini verso le conoscenze scientifiche.

Spazio, atmosfera e gravità terrestre. Concluso il campo estivo “Astronaute del futuro” alla Rodari-Marconi di Porto Sant'Elpidio

Il progetto, curato dalla Associazione Nemesis Planetarium, è stato svolto presso la sede Rodari in due percorsi settimanali, uno per la Scuola Primaria e uno per la Scuola Secondaria di primo grado. In essi è stato affrontato il tema comune della vita nello spazio, con la finalità di avvicinare i quaranta studenti e studentesse agli aspetti pratici della ricerca, anche in merito alla sopravvivenza, al di fuori della nostra atmosfera e della gravità terrestre.


Tra i tanti interessantissimi argomenti trattati, i giovani hanno apprezzato in particolar modo il racconto di Samantha Cristoforetti sulla sua esperienza da astronauta, il laboratorio dell’uovonauta in cui gli studenti, divisi in gruppi, hanno progettato e realizzato una capsula di rientro in miniatura tramite cui far atterrare un uovo lanciato dall'alto, con lo scopo di mantenerlo intatto e, soprattutto, il planetario mobile: una cupola gonfiabile di 7 metri di diametro, capace di ospitare fino a 50 studenti, sulla quale sono state proiettate le immagini dei corpi celesti. Il planetario è stato un eccezionale luogo e occasione di incontro di competenze, esperienze e creatività, intorno ad un progetto articolato di comunicazione della scienza effettuata in modo accattivante, attraente e in primo luogo divertente.


Un ringraziamento particolare va alla Dirigente Scolastica Ombretta Gentili che ha dato l’opportunità di realizzare e promuovere il progetto fornendo una utile ed effettiva occasione per le ragazze di sentirsi maggiormente chiamate in causa anche in ambiti di studio e ricerca che solitamente non le vedono protagoniste assidue, ma che possono offrire a esse concrete occasioni per un futuro lavorativo e di interesse culturale. Molti ringraziamenti anche all'astronoma Molisella Lattanzi e agli astrofili dell’Associazione Nemesis Planetarium che con le loro competenze hanno saputo vivacemente affascinare gli studenti. Il riscontro più bello di quanto svolto con il progetto è stato costantemente sottolineato dall'entusiasmo coinvolgente dei giovani, ma anche dal loro attento e puntuale interesse per le attività svolte.

Letture:1370
Data pubblicazione : 12/09/2018 09:46
Scritto da : Redazione
Commenti dei lettori
0 commenti presenti
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications