Economia
Economia. Ancora un anno di sofferenze

Dovremo aspettare ancora un anno, ma tra il 2014 e il 2015 per l’economia marchigiana dovrebbe arrivare una prima, timida ripresa. Ad affermarlo un’indagine dell’istituto di ricerca Unioncamere - Prometeia, resa nota durante “l’Undicesima Giornata dell’Economia”, organizzata dall’Unioncamere Marche a Colli del Tronto.

Economia. Ancora un anno di sofferenze
Il presidente Federici

Se quest’anno è prevista una ulteriore caduta del Pil dell’1,6 per cento accompagnata da una riduzione dell’occupazione dell’1,3 per cento, la situazione dovrebbe cambiare nel prossimo biennio. Secondo gli  “Scenari di sviluppo delle economie locali italiane 2011 – 2015”, realizzata all’inizio di giugno, il Pil delle Marche dovrebbe crescere nel 2014 e nel 2015 dello 0,9 per cento mentre anche l’occupazione dovrebbe risalire lentamente dello 0,2 per cento mentre la spesa per consumi aumenterà del 2,3 per cento.  In ogni caso alla fine del 2015 saremo comunque più poveri rispetto a quello che eravamo cinque anni prima: a dicembre del 2015 il valore aggiunto per abitante stimato dall’indagine Unioncamere – Prometeia, sarà di 20.585 euro rispetto ai 21.013 euro del dicembre 2010, con una perdita di 572 euro.
Cosa fare per rilanciare il sistema produttivo marchigiano?
“Occorre” ha sostenuto il presidente regionale Unioncamere Adriano Federici presentando il quadro economico delle Marche “investire sui giovani per favorire da un lato l’inserimento di nuove forze lavoro e dall’altro la nascita di nuovi imprenditori che possano immettere nel sistema produttivo marchigiano idee moderne ed innovative per rilanciare il nostro comparto  manifatturiero che negli ultimi cinque anni ha visto gli occupati nel settore diminuire di 25.222 mila unità. Inoltre bisogna creare le condizioni perché le imprese possano tornare ad investire sull’innovazione, sulla ricerca, sull’internazionalizzazione, anche utilizzando la leva della defiscalizzazione.” Misure che, secondo Federici, sono urgenti perché “dall’inizio del 2013 il sistema produttivo regionale ha perso 16 aziende ogni giorno mentre ogni 24 ore sono stati 27 i  marchigiani che hanno visto scomparire il loro posto di lavoro”.
Grandi preoccupazioni per il futuro dell’economia marchigiana sono state espresse dai rappresentanti delle categorie produttive. Situazione pesante anche quella dell’artigianato e del commercio, denunciate da Giorgio Aguzzi e da Fausto Calabresi mentre i problemi degli industriali sono stati evidenziati da Gennaro Pieralisi e quelli del calzaturiero da Renzo Formentini. In particolare il costruttore Massimo Ubaldi ha ricordato come “il comparto edile dal 2009 abbia visto ridursi del 54,2 per cento la costruzione di nuove abitazioni e del 42,9 per cento le opere pubbliche, con un calo degli investimenti del 30 per cento, la conseguente perdita di 10 mila posti di lavoro e la scomparsa di un’impresa su quattro”.
In forte aumento anche le sofferenze bancarie delle imprese (+13,6%) e il tasso d’insolvenza (+11,2%) mentre i prestiti delle banche alle imprese sono diminuiti: si è passati da 24,3 miliardi di euro nel 2011 a 23,5 nel 2012 con una flessione del 3,3 per cento che è diventato il 6,2 per le imprese di minori dimensioni.
“In base alle più recenti informazioni” ha affermato Giacinto Micucci responsabile Ufficio studi regionale della Banca d’Italia “anche nel  2013, la dinamica flettente del credito sta proseguendo. La flessione riguarda i finanziamenti alle imprese che si sono ridotti di un ulteriore 2,8 per cento  mentre il credito alle famiglie si mantiene quasi stabile.”
La speranza per una ripresa del sistema produttivo marchigiano viene dai giovani. Lo ha confermato il preside della facoltà di Economia dell’Università Politecnica delle Marche Gian Luca Gregori secondo il quale “sono i 43.340 imprenditori under 35 quelli che più di altri sono pronti ad innovare ed a rivolgersi al web per commercializzare i loro prodotti ed affrontare i mercati ma per fare questo servono incentivi agli investimenti e defiscalizzazione”.
La tavola rotonda è stata conclusa dal Governatore Gian Mario Spacca, il quale ha affermato che “la ricchezza dei marchigiani è diminuita in quattro anni del 12 per cento. Per invertire la tendenza occorre partire dalle imprese e sostenerle nell’accesso al credito. La Regione ha già stanziato 3 milioni di euro per finanziare il Fondo di Garanzia regionale. Nel 2014 abbasseremo l’Irap e stiamo semplificando le procedure burocratiche della Regione”.
 








 

Letture:2357
Data pubblicazione : 24/06/2013 15:19
Scritto da : Redazione
Tags : Unionecamere
Commenti dei lettori
1 commenti presenti
  • kirios omega

    25-06-2013 11:23 - #1
    Cosa significa timida ripresa? Come potranno esistere sacche di riprese economiche, anche solo locali, dopo che un Governo di aridi tecnocrati, aridi come solo loro sanno essere, aridi e innamorati solo dei numeri e dei comandi che ricevono, hanno condotto il Paese Italia a versare all'EU annualmente circa € 20 miliardi per Fiscal Compact (Pareggio di Bilancio). L'Italia dall'anno 2000 ha versato all'EU assai più di quanto ha ricevuto... E poi, dov'è il piano di rilancio della politica economica italiana? Dov'è il piano industriale per l'occupazione giovanile? Dov'è... Si smetta di prendere in giro i peones come me! Un tempo credevamo per fede, oggi molti abbiamo imparato l'uso della logica e sappiamo, purtroppo ancora in pochi, che ciò che avviene in Italia è studiato, voluto, attuato e precedentemente concordato tra nostri governanti in cerca di prebende e grandi gruppi multinazionali che con la distruzione dei Paesi, semplicemente controllandone il debito pubblico, mirano ad avere disponibilità su ogni bene anche ricorrendo, cum grano salis, all'uso della forza con la messa in opera di eserciti privati di cui i contractors che già sappiamo sono solo la punta dell'iceberg! Per finire le mie tesi di modesto, ma logico pseudo complottista: “W. Churchill,1949, riferì al Segretario di Pio XII- L'Italia sarà punita. Non avrà mai una propria economia”! E così è! I supposti liberatori, come nel Secondo Coro dell'Adelchi si son divisi campi e armenti e da allora siamo succubi, anzi schiavi”! kiriosomega
    Risposta
    Il Sistema Atlantico ha vinto. Chiediamoci perché?
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications