Economia
Calzature: La soddisfazione di Confindustria Fermo per l’approvazione del “Made in”. Il presidente Santori: “ora la guerra da vincere è al consiglio dell’Ue”

Il giorno seguente all’approvazione da parte del Parlamento Europeo del regolamento sulla obbligatorietà dell’etichettatura d’origine (art. 7) che identifica il Paese di provenienza di ogni merce prodotta nell’Unione Europea o importata dai Paesi extracomunitari, Confindustria Fermo esprime la soddisfazione per quanto ottenuto.

Calzature: La soddisfazione di Confindustria Fermo per l’approvazione del “Made in”. Il presidente Santori: “ora la guerra da vincere è al consiglio dell’Ue”

“E’ stato raggiunto un traguardo essenziale per la tracciabilità della manifattura, soprattutto per i calzaturieri italiani e del Fermano che da tempo si battevano affinché questa norma venisse adottata – ha dichiarato Andrea Santori, Presidente di Confindustria Fermo. E’ stato premiato un lavoro portato avanti congiuntamente da Assocalzaturifici e dalla sezione calzature di Confindustria che anni fa, avendo intercettato le prime avvisaglie di quello che poi si è rivelato più che un rischio, hanno intrapreso azioni mirate con missioni a Bruxelles, a Strasburgo, incontri, audizioni parlamentari, visite presso le aziende calzaturiere dei parlamentari europei, azioni diplomatiche a tutti i livelli istituzionali sia in ambito locale che in quello italiano ed europeo, un coinvolgimento trasversale dei rappresentati politici nazionali e stranieri in seno al Parlamento Europeo ed alla Commissione Europea. Senza dimenticare – prosegue Santori – la raccolta delle firme per sollecitare l’adozione di questo regolamento, che fra le aziende del Fermano ha avuto un ottimo riscontro, e le 765 paia di calzature da bambino, di cui un gran parte prodotte da imprese nostre associate, consegnate agli europarlamentari per sensibilizzarli su questa tematica.

Insomma un lavoro di coordinamento per cui il Presidente Santori ringrazia “tutti i politici che si sono fattivamente interessati per raggiungere questo risultato. Ringrazio inoltre il Presidente Sagripanti e Arturo Venanzi, alla guida della nostra sezione calzature, per l’impegno che hanno profuso allo scopo di veder tutelati i nostri produttori di calzature e, fatto non secondario, i posti di lavoro: con l’adozione di questa regolamentazione verrà assicurata una maggiore protezione delle creazioni made in Italy e garantito un mercato del lavoro che, senza questo provvedimento, poteva subire degli effetti per nulla incoraggianti. Ora – conclude Santori – la vera guerra si combatterà all’interno del Consiglio dell’Ue, spaccato a metà fra favorevoli e contrari (fra cui la Germania che ha sempre osteggiato tale provvedimento). Per un accordo che possa dare reale esecutività al made in sono necessari il pressing e la diplomazia del Governo Italiano sull’esecutivo Ue: tutto questo potrà accadere in un periodo favorevole all’Italia, ovvero il semestre di turno di Presidenza italiana dell’Unione Europea dal 1 luglio. L’auspicio è che dopo questo secondo e essenziale step si possa cantare vittoria in modo più fragoroso”.

Letture:7518
Data pubblicazione : 16/04/2014 15:56
Scritto da : Redazione
Commenti dei lettori
0 commenti presenti
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications