Economia
Per l'ex Sadam urgente una soluzione condivisa

Il CITASFE ribadisce il sostegno a Elmo Tappatà ed il proprio ruolo nell'informare i cittadini. Intanto l'8 maggio torna a Fermo la Festa della Madre Terra

Per l'ex Sadam urgente una soluzione condivisa

Non è nostra intenzione commentare una sentenza che vede coinvolto in prima persona il nostro ex-Presidente Elmo Tappatà, accusato secondo noi in maniera ingiusta dalla ditta querelante, di aver agito in maniera diffamatoria nei loro confronti.

 

Ci sembra anche inutile ricordare che l’operato del comitato ha ricondotto la protesta dei cittadini in percorsi legali e civili, nel pieno rispetto della legge e della libera espressione di pensiero di ognuno di noi.

 

Riteniamo invece importante ribadire il nostro pieno supporto ad Elmo Tappatà e ricordare la vicinanza che tantissime persone hanno espresso in questi giorni dopo la sentenza di primo grado.

 

Attendiamo ora il prossimo grado di giudizio, certi che un volantino decontestualizzato da una situazione articolata che vedeva un chiaro contrasto tra i cittadini residenti e la ditta proponente, non potrà dimostrare alcuna volontà diffamatoria.

 

Ci rimane però l’amarezza delle affermazioni pubbliche dei rappresentanti della ditta NED, sulla presunta responsabilità del comitato e del suo Presidente riguardo alla chiusura della stessa attività, che per quanto ci risulta è ancora in essere nel sito proposto.

 

Nessuno del comitato, né tantomeno l’allora Presidente, ha mai ostacolato l’avvio dell’attività dopo che essa è stata autorizzata dalla Regione, la sospensiva richiesta nel ricorso firmato dai cittadini residenti venne respinta e la ditta NED iniziò la sua attività produttiva fino a quando (da quanto riportato dai quotidiani dell’epoca) diversi lavoratori decisero di cessare il loro rapporto con l’azienda.

 

Da parte nostra saremo sempre presenti sul territorio, per organizzare eventi finalizzati a sensibilizzare la cittadinanza sui temi legati all’ambiente ed all’agricoltura, come la Festa della Madre Terra che si terrà il prossimo 8 maggio, o per portare il nostro contributo di supporto ai cittadini ed alle amministrazioni, quando vengono proposte attività che hanno un impatto sull’ambiente e sulla salute.

 

E’ recente infatti la sentenza del Consiglio di Stato relativa alla centrale a biomasse di Campiglione, altra annosa discussione, che deve secondo noi trovare una soluzione condivisa sicuramente diversa da quella proposta, perché è solo con la condivisione e con la partecipazione di cittadini informati che si possono evitare situazioni conflittuali di cui nessuno sente oggi il bisogno.

 

Per questo motivo noi saremo ancora presenti nella discussione che seguirà, per portare il nostro contributo tecnico, certi che anche chi fino ad oggi non ha espresso alcun parere chiaro, lo farà nelle sedi opportune per affermare l’esistenza o l’assenza della compatibilità ambientale e sanitaria della centrale con il futuro ospedale, con le attuali Scuole e con il contesto urbano di Campiglione e di tutti i paesi interessati alle ricadute.

Letture:3965
Data pubblicazione : 18/04/2016 11:08
Scritto da : Comitato CITASFE
Commenti dei lettori
5 commenti presenti
  • Renato

    20-04-2016 16:40 - #5
    E' dal 2005 che si auspica una soluzione condivisa......al 2016 non è stato condiviso nemmeno un caffè
  • Daniele

    19-04-2016 21:32 - #4
    Gilberto il comunicato è a firma del comitato C.I.T.A.S.FE. di cui fanno parte persone che provengono anche da altre zone non solo di Campiglione. Noi in questi anni siamo stati sempre in prima linea discutendo nel merito delle questioni anche insieme ad esperti del settore, siamo stati vicino ai comitati in difesa dell'acqua pubblica, vicino a chi ha cercato di spiegare perché c'era da votare al precedente referendum (noi c'eravamo alla riunione dei comitati del SI a Campiglione) abbiamo parlato di dissesto idrogeologico, di agricoltura di qualità e di tanti altri temi. Ma in tutte queste occasioni non ti abbiamo mai visto, né sentito contestare ciò che dicevamo nelle assemblee pubbliche dove chiunque poteva intervenire. Noi abbiamo un nome ed un cognome, ci mettiamo la faccia e non mi sembra proprio che ci sia qualche poltrona per noi o qualche interesse personale, se ne sei a conoscenza sii più preciso, altrimenti saremo noi a querelare chi accusa e diffama l'operato gratuito di persone che sinceramente hanno di meglio da fare che stare a sentire la tue farneticazioni anonime. Ma una cosa giusta l'hai detta e cioè che nei tribunali conta il rispetto della legge, ed è a quella che noi ci siamo sempre appellati. Colgo comunque l'occasione per invitarti alla prossima edizione della festa della Madre Terra, visto che sei così sensibile all'agricoltura ed all'ambiente parteciperai di sicuro.
  • Stefania

    19-04-2016 14:14 - #3
    invito a voi di informazione.tv e di altri testate giornalistiche a fare da megafono alle parole di Tappatà e di chi come lui si batte per non realizzare quell'insalubre fornace... noi oltre al passaparola possiamo far poco... Date a questo testate, tenetele il più tempo possibile anche se magari contro qualche potere forte.. grazie
  • Gilberto

    19-04-2016 12:48 - #2
    Svegliatevi anche per l'inquinamento da polveri sottili a Campiglione, (o l'Oasi vi fa comodo e il superotto vi fa divertire!); svegliatevi anche per l'impatto che hanno le tante antenne della telefonia istallate a Fermo,(beh certo il telefonino è indispensabile); svegliatevi anche per lo smottamento del fiume Ete che ha mangiato decine di ettari di terreno (certo a voi che interessa degli agricoltori!): svegliatevi per porre rimedio all'inquinamento ambientale prodotto dalla discarica che ammorba tutta la Valdete dove ci sono decine di Agriturismo e aziende agricole ( voi state verso Tenna e che vi frega dell'Ete!)); svegliatevi o meglio vi dovevate svegliare per prendere posizione sul referendum di domenica scorsa e invece vi siete girati dall'altra parte ( tanto il mare non c'è a Campiglione). Dopo mesi di silenzio siete tornati a parlare solo per difendere l' ex Presidente, che avete portate in Giunta con i vostri voti e per seguire i vostri interessi (a noi chi ci risarcisce per gli anni di assessorato?). Ora (forse per timore) chiedete di scegliere insieme una soluzione, ma dove cazzo eravate in questi 10 anni in cui avete contrastato tutto e tutti! Il vostro contributo tecnico a senso unico lo potete portare nelle vostre assemblee unilaterali dove dite quello che la gente vuole sentire; nelle aule dei tribunali conta il rispetto della legge e stavolta (per l'ennesima volta gli enti non hanno ottenuto risultati) ci saranno altri oneri da pagare per gli infiniti ricorsi della Provincia (tanto poi pagheremo noi e non i vari Presidenti o assessori).E' ora di pensare alle cose concrete, tanto chi ha cavalcato l'onda ha raggiuntola sua poltrona, chi ha sfilato in prima linea con i lavoratori ( alla chiusura) e poi con tutti gli altri (per scopi elettorali) siede tranquillo in posti statali. Abbiate pietà, non parlate piu' di ambiente, di territorio, di energie alternative; parlate solo di cancellare la Centrale e ogni eventuale industria per i vostri interessi e per creare nuova edilizia abitativa nell'area ex sadam al fine di rendere piu' appetibile il vostro quartiere
  • Antonio

    18-04-2016 15:26 - #1
    Stanno per iniziare a costruire un ospedale provinciale che accoglierà quindi tutti i malati del territorio della Provincia di Fermo quindi del Comune di M. Urano, S. Elpidio a Mare, Porto Sant'Elpidio, Porto S. Giorgio, Altidona, Moresco, Monterubbiano ….etc…etc… Ma è possibile che siano solo i cittadini di Campiglione a dire NO ad una centrale a biomasse, ad un camino acceso 24 ore su 24 per 365 giorni all'anno, che assurdità delle assurdità, vogliono sistemare sotto il naso di chi purtroppo dovrà alloggiare in Ospedale ?? Scemenza delle scemenze ci vengono a dire che il camino è necessario per l'energia elettrica dell'Ospedale? Ma da quanto in qua all'Ospedale si respira pura aria inquinata nei limiti di legge ? Ma di che cosa sono capaci di raccontare questi finti industriali interessati solo ai finanziamenti pubblici !!! Ma ci vogliamo svegliare !!!!
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications