Economia
Le RSU e la centrale che non si farà: a cosa e a chi servono ancora gli striscioni?

A poche ore dalla nuova Conferenza dei Servizi in Provincia, i sindacalisti annunciano che non parteciperanno e attaccano i cittadini di Campiglione

Le RSU e la centrale che non si farà: a cosa e a chi servono ancora gli striscioni?

Domani mattina in Provincia si terrà una nuova Conferenza dei Servizi sul progetto di riconversione dell'ex Sadam.

 

Un incontro al quale non parteciperanno anche le RSU dei lavoratori che, nel frattempo, hanno inoltrato una richiesta di incontro al Sindaco Paolo Calcinaro per valutare ipotesi alternative alla luce della recente posizione della Powercrop.

 

“Non abbiamo fatto richiesta per poter partecipare - spiegano i rappresentanti sindacali - dato che sono venuti meno i presupposti per la realizzazione della centrale. Il tempo si è fermato con il decreto del 23 giugno 2016 emanato dal Ministero dello Sviluppo Economico. L’esito della VIA (negativa o positiva) sarà assolutamente irrilevante, inutile. Saranno poi i giudici a pronunciarsi sull’enorme risarcimento danni già presentato da mesi dalla società”.

 

Dalle RSU anche una provocazione nei confronti di chi, da anni, manifesta la propria contrarietà alla realizzazione dell'impianto. “La centrale non si farà più. Ci sorge spontanea una domanda: come mai a Campiglione tutti gli striscioni anti centrale non sono stati ancora rimossi? Non ci risultano esserci elezioni o campagne elettorali in vista! ll giocattolino centrale si è rotto, non c'è più, non può più essere utilizzato!”.

Letture:2280
Data pubblicazione : 21/07/2016 19:51
Scritto da : Andrea Braconi
Commenti dei lettori
3 commenti presenti
  • Stoppardi C.

    22-07-2016 18:12 - #3
    Ma che provocazione ? ma quale giocattolino ? I cittadini hanno difeso la loro salute, il loro ambiente, il loro quartiere dove vivono con le loro famiglie !! e dove ci sono scuole e asili ed anche il futuro ospedale !!! Voi non avete nulla da spiegare perché confermate quanto detto dalla proprietà del progetto : NO SOLDI PUBBLICI = NO CENTRALE !! in barba a tutte quelle belle parole che dicevano di un investimento per creare occupazione, nuova filiera agricola …. Ma dove ? Ma quando ? L'unico scopo del progetto come da Voi confermato era i finanziamenti pubblici e cioè i soldi di noi cittadini onesti e lavoratori !!!
  • Francesco P.

    22-07-2016 11:56 - #2
    La risposta alla domanda sul perché ci siano ancora cartelli contrari alla centrale a Campiglione nonostante che non ci siano elezioni in vista è semplice. Perché forse per la prima volta nel nostro territorio, la gente si è opposta in massa ad una cosa che riteneva non idonea al proprio territorio. Tutto è partito dai cittadini, e non solo di Campiglione come forse si ritiene erroneamente. Tantissimi e tantissimi cittadini dei quartieri limitrofi, dei Comuni limitrofi e della stessa città di Fermo si sono trovati concordi ed hanno espresso la loro volontà in maniera sempre decisa ma altresì sempre pacifica e civile. Ricordo inoltre come all'inizi la politica fosse quasi completamente a favore della Centrale..... Naturalmente col tempo anche le opinioni politiche sono cambiate decisamente...... Se sono cambiate perché si sono mossi migliaia di cittadini e quindi un gran serbatoio di voti o per convinzioni personali non lo so.... Ognuno ha la sua opinione su questo..... Quindi, oggi che non ci sono in vista elezioni, ci sono ancora i cartelloni è semplicemente perché la popolazione vuole ricordare il proprio dissenso e che tutto è partito dai cittadini ed i cittadini non hanno interessi elettorali.
  • Walter

    22-07-2016 09:22 - #1
    Cara RSU, anche a me sorge spontanea una domanda. Se come dite l'esito della VIA sarà assolutamente irrilevante e la centrale non si farà più, come mai il proponente non ha ancora ritirato il progetto?
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications