Cronaca
Montegiorgio. 59enne cade da una pianta: trasportato a Torrette con l'eliambulanza

Incidente questa mattina poco dopo le 12:00 a Montegiorgio, in località Cerreto.

Montegiorgio. 59enne cade da una pianta: trasportato a Torrette con l'eliambulanza

Un uomo, 59enne, P.L. le sue iniziali, stava eseguendo dei lavori di manutenzione delle piante in un terreno in zona Cerreto quando accidentalmente ha perso l'equilibrio cadendo dall'albero.
Immediati sono scattati i soccorsi e i sanitari della Misericordia di Montegiorgio, giunti prontamente sul posto, hanno deciso di allertare l'eliambulanza dell'Ospedale Torrette di Ancona.
L'uomo è sempre rimasto cosciente ma vista la dinamica dell'accaduto è stato trasferito presso il nosocomio dorico.

Letture:3445
Data pubblicazione : 23/07/2018 15:19
Scritto da : Alessandra Bastarè
Commenti dei lettori
1 commenti presenti
  • MIRCO

    23-07-2018 16:28 - #1
    Una domanda alla politica rispetto alla sanità. Se, come si legge, quotidianamente l'eliambulanza svolge nel territorio regionale un lavoro grandissimo, dove prima tutto veniva gestito dai vari ospedali di zona, mentre ora si è spostato in Ancona sicuramente ospedale più attrezzato e con professionalità elevate che senso ha potenziare i vari ospedali di Fermo, Ascoli Piceno, San Benedetto, Fano, Macerata,Pesaro ecc.ecc. con concorsi per primari, mega avvovati, ragionieri, o peggio con concorsi per apparato amministrativo, riducendo poi i posti di infermieri ? Se tutto è finalizzato a solo per qualche analisi, oppure intervento di appendicite o peggio radiografia o banalissime punture di vespe bhee allora c’è proprio da stare allegri. Chiedo, non sarebbe meglio chiuderli tutti ampliare il mega ospedale di Ancona, potenziare le eliambulanze portarle da 2 a 5 e magari lasciare il resto alla medicina di base con medici più formati, specializzati, e in grado di riconoscere una influenza da broncopolmonite? Forse è troppo ? O forse perché i risparmi sarebbero così consistenti da eliminare la concorrenza esterna, le lunghe file per le analisi o le terapie ed i sodi risparmiati servirebbero a garantire più cure importanti a tutti ? Certo la congregazione della Sanità in Italia fa profitti anche con le siringhe per non parlare delle protesi e tutto questo mercimonio finirebbe d’incanto e per molti finirebbero tutti privilegi, ma piano piano anche costoro dovranno abituarsi a “restrizioni” fisiologiche. Se pensate che nelle nostre Marche ci sono 23.000 dipendenti della sanità (un sanitario ogni 350 abitanti) c’è da stare allegri e di questi 23.000 almeno 5/6 mila addetti alle attività amministrative c’è veramente da esultare. Questa gioiosa macchina da guerra costa alla collettività svariati miliardi con perdite annue di oltre 800 milioni di euro. Se questa è la politica ben venga l’anarchia. Leggiamo da altri siti che il PD vigilerà sul governo centrale; è vero ed è giusto ma la domanda è sempre la stessa ma quando governavano loro chi non ha visto e chi non ha controllato visto che in pochi anni il deficit complessivo è aumentato di circa 300 miliardi ?
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications