Attualità
Fermo. La ruota panoramica finisce sotto la lente d'ingrandimento della Soprintendenza, ma Trasatti minimizza: "Semplice incontro informativo, la struttura rimane dov'è"

Dopo l'antipasto di sabato scorso con l'inaugurazione della pista di ghiaccio, domani a Fermo alle 18:30 prenderà ufficialmente il via la stagione natalizia con l'apertura del villaggio e il “taglio del nastro” della ruota panoramica che negli ultimi giorni ha catturato le attenzioni dell'opinione pubblica del capoluogo.

 

Fermo. La ruota panoramica finisce sotto la lente d'ingrandimento della Soprintendenza, ma Trasatti minimizza:

Ruota panoramica che mercoledì è stata anche al centro di un viaggio ad Ancona di una delegazione del Comune di Fermo, composta dagli assessori Francesco Trasatti, Mauro Torresi e Ingrid Luciani e dal dirigente comunale del settore lavori pubblici e ambiente Alessandro Paccapelo, che è stata ricevuta dall'architetto Carlo Birrozzi, direttore della Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio delle Marche. Oggetto dell'incontro, che Trasatti, il deus ex machina del Natale fermano, ha definito all'insegna della cordialità, la richiesta di dettagli in merito al suo allestimento.

 

“Trattandosi di una giostra temporanea, montabile e smontabile in pochissime ore e che rimarrà in quella posizione solo per una quarantina di giorni, di concerto con gli uffici e alla luce della normativa è stato ritenuto che per l'installazione non fosse necessario alcun tipo di parere preventivo da parte della Soprintendenza – spiega Trasatti -. Nella riunione abbiamo comunque ribadito che si tratta di una struttura removibile e non ancorata a terra, fornendone al tempo stesso tutti i dettagli e illustrando il piano di sicurezza e l'indagine georadar preventiva che abbiamo fatto svolgere”.

 

Che la giostra in sé, e nello specifico la sua collocazione, a Fermo non sia piaciuta a tutti non è di certo un mistero, e durante il colloquio Birrozzi ha effettivamente chiesto ai membri della giunta fermana se non avessero valutato ipotesi alternative, in particolar modo Piazzale Azzolino e Largo Calzecchi Onesti. Se nella prima location attualmente è però attivo un piccolo cantiere, la seconda non si presta allo scopo data la vicinanza al capolinea dei bus cittadini.

Trasatti e il resto della giunta, quindi, sono assolutamente convinti delle proprie ragioni e di aver adempiuto pedissequamente alle prescrizioni normative del caso. La giunta del capoluogo, comunque, fornirà a brevissimo tutta la documentazione alla Soprintendenza, ma clamorosi colpi di scena, come la richiesta di spostare altrove la ruota, sembrano assolutamente esclusi. La sensazione, infatti, è che si sia trattato di un semplice incontro informativo, con la Soprintendenza chiamata a mediare, nel caso di Fermo ma anche in quello di tanti altri Comuni, marchigiani e non, tra i propri compiti e il desiderio delle amministrazioni di rivitalizzare i centri storici.

“Sono tranquillo e convinto che non ci sarà nessun tipo di problema – garantisce Trasatti -. Con la Soprintendenza c'è già un rapporto di grande collaborazione e un contatto costante; in ogni caso abbiamo accolto l'invito a coordinarci ulteriormente con loro in futuro a riguardo di allestimenti che possano ritenere impegnativi”.

 

Letture:3738
Data pubblicazione : 23/11/2018 16:26
Scritto da : Andrea Pedonesi
Commenti dei lettori
1 commenti presenti
  • Don Chisciotte

    23-11-2018 19:36 - #1
    Su ragazzi non scherziamo. Che la ruota non ci azzecca nulla sono pienamente convinto. Che la ruota così come messa è anche bruttina. Che la ruota non ha nulla di panoramico se non Papa Sisto e il terrazzo Vallesi ci stà. Ma che adesso per mettere occorre pure l'autorizzazione della Soprindendenza siamo al ridicolo e al paradosso di questa nazione! Londra, Parigi, Berlino hanno ruote il triplo più grandi più ingombranti e pure fisse e nessuno parla...!!! Ho la sensazione che ci sia qualcosa che non va in questa Nazione....o si interviene subito o è la fine per tutti !!!!
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications