Attualità
1500 volte il giro del mondo in 50 anni di storia! Anniversario di fondazione per la Freccia dell'Adriatico. Virgili: "La semplicità è il mio segreto"

Anno 1968. Vittorio, due soci ed una ragioniera. Siamo a Cretarola. C'è una casa e nel sottoscala prende posto lei, la ragioniera. Nel garage c'è un mezzo, l'unico di questa nuova azienda che ha un nome importante: "Freccia dell'Adriatico". L'Italia sta crescendo e con essa la sua economia. 

1500 volte il giro del mondo in 50 anni di storia! Anniversario di fondazione per la Freccia dell'Adriatico. Virgili:

Vittorio ha entusiasmo e tanta voglia di lavorare e con i suoi soci inizia a percorerre la strada che li porta più e più volte fino in Veneto. Trasportano calzature per conto di imprenditori locali, pellami e altro materiale. Dalle Marche al Veneto e ritorno.

IMG_1360

I giorni passano, gli affari crescono e arriva il 1979. Da Cretarola l'azienda di Vittorio si trasferisce a Fermo, zona Campiglione. Un garage non basta più e fa costruire il nuovo magazzino della Freccia: 3mila metri quadrati. Erano in quattro, sono diventati venti o forse qualcuno in più, idem per il numero dei mezzi, perché anche quello è cresciuto. Marche-Veneto e Veneto-Marche è sempre la strada più battuta, ma non l'unica. Dal '79 ad oggi, di kilometri la Freccia dell'Adriatico ne ha macinati molti. Sono 60 milioni, pari a 1500 volte il giro del mondo.

IMG_3595

Oggi siamo nel 2018 e questi ultimi 50 anni di storia l'azienda fermana di trasporti li ha percorsi instancabilmente e senza metafore. Dopo l'ampliamento della sede fermana, tra la fine degli anni '70 e l'inizio degli '80, seguì l'apertura di quattro filiali in Veneto, a Treviso, Padova, Verona e Vicenza. Col tempo sono iniziate le collaborazioni con altri corrieri, lo sviluppo di una importante attività di logistica alla quale oggi sono dedicati circa sei mila metri quadrati. Dal quartier generale di Campiglione, la Freccia spedisce giornalmente in tutta Italia ed in Europa. I suoi mezzi, dal ritiro della merce fino alla consegna, trasportavano, ai tempi della fondazione, prevalentemente calzature per un territorio votato a questa attività. Ma la crisi si sa, negli anni ha messo in ginocchio il mercato e la Freccia ha diversificato spaziando in tutti i campi merceologici. Oggi l'azienda vanta consolidati rapporti professionali con le più grandi industrie chimiche, metalmeccaniche, agroalimentari e manifatturiere in genere e le spedizioni annuali si aggirano nell'ordine delle 150mila unità, mentre in anagrafica figurano 69mila clienti e ci sono tutti, dal '68 al 2018.

IMG_4001

La ricetta di questo successo imprenditoriale ha un ingrediente che Vittorio, 81 anni il prossimo settembre, dice essere fondamentale: la semplicità. La semplicità di chi sa che solo lavorando a testa bassa, giorno e notte, si possono ottenere i risultati. La semplicità di chi come lui, dopo una vita di sacrifici, ancora è ogni mattina al suo posto di lavoro e sa come farsi voler bene da dipendenti, clienti e famiglia. Già, perché quella di Vittorio oggi è un'azienda di famiglia dove lavora la figlia Barbara e il genero Enrico insieme ad un esercito di 120 dipendenti con i quali il rapporto è assolutamente familiare. Nessun licenziamento e tanti pensionamenti festeggiati con i collaboratori storici, compresa la ragioniera di quei pionieristici esordi. Alla figlia Barbara, in modo particolare, ha trasmesso l'amore per la sua creatura. "Sono entrata a 18 anni, in punta di piedi e ho iniziato dall'archivio. - ricorda lei – Ho fatto la gavetta passando da un ruolo all'altro e imparando da mio padre, animata da quel suo stesso spirito che mi ha conquistata".

Vittorio è stato sulla strada con i suoi camion fino a trent'anni fa, poi si è fermato in azienda. Tanti cambiamenti subiti nel tempo, dal boom economico di allora alla crisi economica degli ultimi anni, i sacrifici, ma anche la fortuna, non ultimo l'amore. Quello di Cesarina. Una moglie che in azienda non ha mai messo piede, ma che è stata la sua vera forza nell'andare avanti.

Domani, a partire dalle 18, la Freccia dell'Adriatico si ritroverà nel suo magazzino tirato a lucido per l'occasione. Ci saranno tutti i dipendenti, i fornitori ed i clienti storici. Dopo la messa celebrata da don Aldo Buonaiuto, un aperitivo ed una cena spettacolo con la conduzione di Daniela Gurini, la comicità di Piero Massimo Macchini e la musica dei Billy balla Reggae. Un'occasione per stare insieme e festeggiare 50 anni di grandi successi in un luogo familiare, l'azienda stessa. Qui ogni giorno si lavora e si cresce insieme con quella semplicità che Vittorio, oggi, non smette di raccomandare e se si chiede a lui come sono stati questi 50 anni risponde, non a caso, con una sola parola: "Belli!".

 

25

Letture:5725
Data pubblicazione : 08/06/2018 15:11
Scritto da : Mery Pieragostini
Commenti dei lettori
1 commenti presenti
  • Billy Balla Reggae

    13-06-2018 21:38 - #1
    È stato davvero emozionante suonare per i 50anni di questa incredibile azienda! Grazie davvero da i Billy Balla Reggae.
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications