Attualità
L'unicità dell'azienda vinicola "Castrum Morisci" di Moresco: la prima nelle Marche a produrre vini con l'etichetta in braille per non vedenti e ipovedenti
Un progetto che è già realtà. Unico nelle Marche, fra i pochi attualmente esistenti in Italia. Da oggi anche non vedenti e ipovedenti avranno un’etichetta in braille sui vini di un’azienda vitivinicola di Moresco, la Castrum Morisci, un'azienda dalla storia consolidata nella coltivazione di uva e, dall'anno scorso, anche produzione di vino, per volontà dello scomparso nonno Gino Pettinari. 
L'unicità dell'azienda vinicola
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Ed è leggendo la normativa europea che ci impone di scrivere un’etichetta leggibile da tutti che abbiamo notato che così oggi non è – ha osservato Luca Renzi, agritecnico dell’azienda nel presentare la novità - così abbiamo pensato bene di far sì che l’etichetta potesse essere nella disponibilità di non vedenti e ipovedenti con indicazioni in braille, un sistema di scrittura e lettura a rilievo usato dagli ipovedenti, e con le informazioni fornite da un QR su nome del vino e della cantina produttrice”.
 
Proseguen Renzi: "Lo scopo di questa etichetta è anche quello di sensibilizzare l'opinione pubblica, magari stimolando altre aziende a fare uguale. Inoltre, neanche a volerlo, la scritta in Braille rende l'etichetta delle bottiglie pure molto più bella."

19859303_10213765691402409_1658343620_o

 

“Una felice collaborazione che abbiamo accolto pienamente – ha detto Cristiano Vittori, Presidente interprovinciale Ascoli Piceno-Fermo dell’Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti – dando anche i nostri suggerimenti. E' stato impegnativo realizzarla, ma è un prodtto fatto bene, che fornisce tutte le informazioni che servono a un non vedente ed è, così facendo, accessibile a tutti”.

A credere nel progetto anche i Comuni di Fermo e di Moresco, la Copagri Confederazione Produttori Agricoli e l’Associazione Italiana Sommelier.
 
“Un bellissimo atto di sensibilità da imitare e prendere come esempio – ha detto l’assessore alle Politiche Sociali del Comune di Fermo Mirco Giampieri – congratulazioni a questa azienda per aver accettato la sfida e all’Unione interprovinciale Ciechi e Ipovedenti per aver collaborato”. 
 
19893704_10213765691322407_1078034182_o
 
“E’ solo all’inizio questo progetto, che coniuga la produttività, il saper fare cose buone e belle del nostro territorio con un’attenzione rivolta al sociale” – ha detto il Sindaco di Moresco Massimiliano Splendiani, mentre l’assessore alle Politiche Sociali ed al Turismo Lorena Cionfrini ha precisato: "E' un'apertura a tutto tondo. E per il Comune è un onore sostenere i passi e la crescita di un’azienda come questo. Inoltre questa etichetta, unica nel suo genere nelle Marche, è un modo per far conoscere il vino di Moresco in Italia e in tutto il mondo."
 
Profondamente orientata al biologico, l’azienda agricola "Castrum Morisci" si estende su 7,5 ettari di vigneto fra le dolci colline dell’entroterra marchigiano, ai piedi del borgo medievale di Moresco. Passerina, Pecorino, Vermentino, Malvasia, Pinot Grigio, Montepulciano e Sangiovese (tutti denominati sull’etichetta della bottiglia con il numero della particella catastale in cui si trovano), oltre alla produzione ei vino cotto, sono gli uvaggi utilizzati per una produzione annua di 25 mila bottiglie. Due le tipologie di vinificazione: una con l’utilizzo di vasi vinari in acciaio e l’altra con l’uso di anfore di terracotta.
 
botti_e_bottiglie
 
“Siamo giovani in quanto la cantina si è costituita l’anno scorso, anche se con una storia vitivinicola solida, ma abbiamo voluto sposare con idee molto chiare il territorio dove operiamo con un progetto di valenza sociale” – ha aggiunto David Pettinari, titolare insieme alla sorella Alessandra e ad un’altra sorella della cantina, attività iniziata dal nonno Gino e proseguita dal loro babbo Agostino.
 
L’attenzione al bello, ai dettagli e al sociale anche nello sfondo delle etichette che con trame di colore richiamano i vigneti lavorati, e nei disegni originali, tratti da opere di Chris Rocchegiani, che alludono ai nomi delle bottiglie.
 
 
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Letture:3314
Data pubblicazione : 10/07/2017 17:20
Scritto da : Redazione
Commenti dei lettori
0 commenti presenti
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications