Attualità
"Diventare grandi insieme". La Fondazione Sagrini Onlus ospiterà quattro volontari del Servizio Civile

Per la prima volta la Fondazione Sagrini potrà ospitare quattro volontari del Servizio Civile nelle sue strutture con il progetto “Diventare grandi insieme 2”. Un’opportunità per i ragazzi di effettuare una esperienza particolare e significativa in una organizzazione piccola ma di grande professionalità e preparazione e con tanta storia alle spalle. 

E’ dal 1860 circa infatti che la Fondazione Sagrini (prima come “Pio Ricovero per Fanciulle Povere” e poi, dal 1936 quando si trasferì nella nostra sede attuale di viale Trieste al 2006 come “Pio Istituto Femminile “Francesco ed Emanuele Sagrini”) opera a Fermo per la cura e il sostegno delle ragazze e delle donne della città e del circondario; vocazione confermata ancora oggi con la specializzazione nell’accoglienza di madri con bambini e gestanti: sia nella Comunità per madri con bambini e gestanti  “Casa di Mamre” sia nella prima accoglienza per i rifugiati in convenzione con la Prefettura.

Il compito dei volontari sarà quello di aiutare, affiancando gli educatori delle Comunità gestite dalla Fondazione, a:

-Migliorare la qualità della vita delle donne inserite in accoglienza e dei loro bambini.

-Favorire i percorsi di autonomia (economica e relazionale) delle donne inserite nella sede.

-Favorire l’inserimento nel tessuto sociale delle donne (con o senza minori a carico) provenienti

da contesti familiari fragili e/o violenti, valorizzando le loro competenze acquisite.

Il lavoro di educatore professionale è purtroppo, un lavoro difficile, fra i menù riconosciuti e dei più sottostimati ma è, in effetti, estremamente importante e prezioso perché le  Comunità e i loro operatori sono sempre in prima linea nella lotta al disagio sociale in tutte le sue varie forme.

L’esperienza di vita e lavoro in questi contesti, l’apertura all’incontro con l’altro, sicuramente sarà fonte  di arricchimento anzitutto dal punto di vista umano, al di là della futura professione del volontario.

Oltre a sviluppare le competenze trasversali quali:

-       Costruire messaggi chiari, al fine di fornire informazioni corrette ai giovani interessati alle attività

  • organizzate dall’associazione, adottare stili di comportamento propositivi, improntati alla cordialità e alla cortesia;

-       Collaborare con il Personale dell’Ente e con i colleghi in relazione ai propri compiti e ai risultati da

raggiungere e integrarsi con altre figure/ruoli professionali e non; lavorare in team per produrre risultati collettivi;

-       Assumere le necessarie decisioni gestionali in sufficiente autonomia, seppur nell’ambito di sistemi

e procedure già calibrati e condivisi;

-       Adeguarsi al contesto: linguaggio e atteggiamenti adeguati, rispetto delle regole e orari, gestione della propria attività con la dovuta riservatezza ed eticità, controllo la propria emotività rispetto alla sofferenza.

 

Il volontario svilupperà una serie di competenze specifiche del settore:

-       Conoscere le situazioni di disagio e gli interventi minimi per il superamento delle problematiche;

-       Conoscere i diritti della donna e del minore;

-       Conoscere le tecniche e le modalità per il coinvolgimento del territorio per l’accoglienza

dell’utenza;

-       Collaborare con la donna in difficoltà e il minore a carico nelle attività di vita quotidiana.

-       Mediare tra la domanda di bisogno e la risposta della rete sociale;

-       Applicare tecniche di animazione e socializzazione per favorire l’integrazione dei singoli e dei

gruppi;

-       Essere in grado di accompagnare e supportare il minore nell’attività di studio e ricreativa.

-       Collaborare alla progettazione, organizzazione e conduzione di attività di socializzazione, di

ricostruzione della rete relazionale;

-       Conoscere le procedure legali ed amministrative legate all’immigrazione ed in particolare alle

persone vittime di tratta di esseri umani;

 

La formazione specifica dei volontari sarà svolta presso la Fondazione.

Le domande vanno presentate entro il 26 giugno. 

Letture:2080
Data pubblicazione : 13/06/2017 12:24
Scritto da : Redazione
Commenti dei lettori
0 commenti presenti
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications