Attualità
Si avvia a conclusione il premio Volponi 2015. Ieri a Porto San Giorgio Maurizio Landini

Ha dialogato con il critico letterario Massimo Raffaeli e con il vincitore dell’edizione 2011, Franco Arminio: Maurizio Landini, segretario generale Fiom, ha parlato al teatro comunale di Porto San Giorgio nell’ambito del Premio Volponi.

Si avvia a conclusione il premio Volponi 2015. Ieri a Porto San Giorgio Maurizio Landini

“Incalzati” dalle domande di Raffaeli, i due ospiti hanno detto la loro sul tema “Lavoro, democrazia e cultura”, partendo da ciò che Arminio considera un aspetto fondamentale, “la battaglia culturale”. Bisogna combatterla questa battaglia, in ogni momento della nostra giornata e in ogni luogo. Con tutti e con maggiore attenzione. “In questi anni non abbiamo capito il tema del lavoro” ha osservato lui stesso, accostando la mancanza di un’occupazione a qualcosa che va oltre il venir meno di un reddito, “diventa un vero e proprio momento di sofferenza”. Fare una battaglia culturale, per lui, vuol dire quindi essere più attenti alle tematiche anche e soprattutto del lavoro. “Serve una rivoluzione culturale – gli ha fatto eco Landini – bisogna tornare a far si che ogni azione abbia al centro il lavoro e i diritti, e bisogna farlo con unità”. Questa è infatti un’altra sfida da affrontare, riportare unità nel mondo del lavoro, perché “una frammentazione così ampia io non l’ho mai vista” ha sottolineato ancora il segretario Fiom. Le divisioni e le contrapposizioni sarebbero proprio i due aspetti che hanno portato a far passare in secondo piano i diritti del lavoro.

A questo punto il dibattito si è spostato inevitabilmente sui giovani; “dobbiamo essere attenti anche verso di loro” è il commento di Arminio;  “dobbiamo essere attenti perché ora per un giovane è più difficile lavorare” ha detto Landini iniziando il racconto della sua esperienza personale. “Quando ho cominciato sono andato all’ufficio di collocamento e sono stato indirizzato ad una fabbrica. Ho cominciato a lavorare, e avevo dei diritti, per i quali non avevo lottato io in prima persona. Oggi i giovani non hanno più molte opportunità, oggi sono molti i giovani che vanno all’estero per un lavoro”.

I giovani vanno anche coinvolti e, al di là della rete, per Landini “bisognerebbe favorire la partecipazione anche fuori da Facebook e Twitter, senza ridurre tutto quanto ad un like. Vanno allargati gli spazi di partecipazione, ovunque, dal sindacato alla politica. Questa è la democrazia”.

Letture:1856
Data pubblicazione : 27/11/2015 16:21
Scritto da : Redazone
Commenti dei lettori
0 commenti presenti
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications