Eventi
"Mosaici Musicali", visite guidate in musica alla Casa della Memoria di Servigliano e alla Casa-Museo di Licini a Monte Vidon Corrado: appuntamenti il 10 e 17 marzo

"Mosaici Musicali" è un progetto realizzato nell'ambito di "Marche inVita – Lo spettacolo dal vivo per la rinascita dal sisma", a cura di Eventi/Tam Tutta un'Altra Musica, sostenuto dal MIBACT e dalla Regione Marche e in collaborazione con Marca Fermana, i Comuni di Amandola, Belmonte, Comunanza, Macerata, Monte Vidon Corrado, Servigliano e gli ISC di Amandola, Comunanza, Macerata, Montegiorgio e Falerone.
In concomitanza con l'anno europeo del patrimonio culturale, il progetto vuole essere un modo per coinvolgere il pubblico alla scoperta del proprio patrimonio culturale attraverso delle performance musicali nei musei del cratere sismico, precedute da una visita guidata.

La casa della memoria di Servigliano

Le iniziative di Mosaici Musicali sono a ingresso gratuito e, per il numero limitato di posti, necessitano di prenotazione telefonica (cell. 338.4321643).

 

SABATO 10 MARZO, CASA DELLA MEMORIA (SERVIGLIANO): VISITA GUIDATA ALLE 15:30 E PERFORMANCE MUSICALE DI DANIELE DI BONAVENTURA (BANDONEON)

 

Casa della memoria. La dimensione internazionale della "Casa della memoria" è dovuta all'enorme numero di persone che sono transitate per il Campo di Servigliano. Il Campo era stato costruito all'inizio del Novecento per accogliere circa 10.000 prigionieri; dimezzato sotto il fascismo, venne utilizzato per contenere fino a 5.000 prigionieri nella Seconda Guerra Mondiale e infine divenne centro di raccolta per i profughi. Per rivivere e ricordare gli orrori di quegli anni, il Centro mette a disposizione di giovani, studiosi e di quanti hanno vissuto quei giorni bui, un ricco archivio storico, nonché materiali didattici e scientifici che illustrano le vite di chi sostò e transitò per questi luoghi.


Daniele di Bonaventura. Compositore-arrangiatore, pianista-bandoneonista, ha coltivato sin dall'inizio un forte interesse per la musica improvvisata, pur avendo una formazione musicale di estrazione classica (diploma in Composizione), iniziata a soli 8 anni con lo studio del pianoforte, del violoncello, della composizione e della direzione d'orchestra. Il suo repertorio spazia dalla musica classica a quella contemporanea, dal jazz al tango, dalla musica etnica alla world music, con incursioni nel mondo del teatro, del cinema e della danza. Ha collaborato con i più grandi nomi del panorama internazionale e calcato i palcoscenici di tutto il mondo. Nel dicembre scorso è stato protagonista, insieme al trombettista Paolo Fresu e l'Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai, del concerto di Natale andato in onda su RAI 1 e trasmesso dalla Basilica Superiore di San Francesco di Assisi.

 

SABATO 17 MARZO, CASA MUSEO OSVALDO LICINI (MONTE VIDON CORRADO): VISITA GUIDATA ALLE 15:30 E PERFORMANCE MUSICALE DI ALFREDO LAVIANO (PERCUSSIONI)

Casa Museo Osvaldo Licini. Aperta nel 2013, in essa sono conservati oggetti, abiti, arredi appartenuti all'artista e a sua moglie: tra questi anche i due dipinti dell'artista - Ritratto della madre e Paesaggio - rispettivamente donati da Silvia Poli Licini e da Lorenzo Licini al Comune di Monte Vidon Corrado nel 2015.

Il restauro ha conservato l'atmosfera di "laboratorio d'arte sperimentale", come definiva Licini stesso in una lettera a Marchiori la sua casa, lasciando intatto il vissuto artistico del luogo. L'edificio padronale settecentesco è strutturato su tre livelli: al primo la cantina, utilizzata da Licini per le riunioni politiche, al secondo livello vi è la zona giorno con un'ampia sala dove l'artista custodiva le sue opere. Accedendo al piano superiore, sul soffitto si scorge la pittura murale realizzata da Licini agli inizi degli anni Quaranta, sui toni freddi dell'azzurro e del grigio. Al terzo piano si trova la zona notte e lo studio con i cavalletti, i colori, la scrivania ancora macchiata di colori. Da qui si aprono molte finestre sul paesaggio collinare, continua fonte d'ispirazione per l'artista.

 

Alfredo Laviano è un artista completo e multiforme. Attratto dalla musica sin da bambino, dopo un approccio con gli strumenti tradizionali trova la sua dimensione con gli strumenti a percussione conseguendone il diploma presso il Conservatorio di Fermo. Nella sua decennale carriera, ha fatto parte di numerose formazioni, spaziando dalla musica contemporanea al jazz, dalla musica etnica alla world music, dal teatro alla sonorizzazione di film. Ha effettuato tour in Italia e all'estero, registrato numerosi dischi e svolto attività didattica. La passione per la musica, la pittura e la gastronomia lo hanno portato a tracciare nuovi e originali percorsi artistici fino a vestire i panni di "musicuoco" nel progetto Le pentole narranti, in cui coniuga suoni e sapori.

 

INGRESSO LIBERO - PRENOTAZIONI OBBLIGATORIE al 338.4321643

 

Mosaici_Musicali_1

 

 

Mosaici_Musicali_2

Letture:1581
Data pubblicazione : 08/03/2018 09:49
Scritto da : Redazione
Commenti dei lettori
0 commenti presenti
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications